La crescita ecocompatibile ha bisogno di voi

La crescita ecocompatibile ha bisogno di voi

Mercoledì 31 maggio 2017 — A partire dal 2000, l’economia verde ha mostrato una forte espansione, con 4,2 milioni di nuovi posti di lavoro, anche negli anni di recessione. I segnali recenti, tuttavia, indicano una stagnazione nella crescita dei posti di lavoro verdi; se si considerano gli obiettivi legati al clima e all’economia circolare, è chiaro che occorre fare di più.

Le cifre sono incoraggianti: attualmente, il settore dell’ecoindustria europea genera un fatturato di circa 700 miliardi di euro, equivalente al 2,1 % del PIL europeo, ed è tra i settori leader del mercato globale, un mercato che si prevede dovrebbe triplicare entro il 2030. Altre cifre indicano che le politiche per l’efficienza delle risorse promuovono la crescita. Una riduzione di un punto percentuale nel consumo di materiali in Europa avrebbe un valore di 23 miliardi di euro per le imprese e consentirebbe di creare tra i 100 000 e i 200 000 nuovi posti di lavoro.

Nel corso del suo intervento alla Settimana verde UE 2017, Karmenu Vella, Commissario europeo per l’Ambiente, gli affari marittimi e la pesca, ha dichiarato: 

Non si tratta di promuovere nuovi posti di lavoro per colletti bianchi o blu, ma di passare ai colletti verdi. È necessario rendere ecocompatibili le professioni esistenti, favorendo l’acquisizione di competenze verdi da parte dei lavoratori che possiedono già abilità professionali, ma non conoscenze di carattere ambientale specifiche, che farebbero la differenza. Dobbiamo individuare dei metodi atti a promuovere l’ecocompatibilità come nuovo standard, sfruttando come supporto le iniziative correlate al piano d’azione dell’Unione europea per l’economia circolare e l’agenda per le competenze.

L’aumento della crescita ecocompatibile e dei posti di lavoro verde è al centro del Green Jobs Summit, il vertice di alto livello di due giorni che si terrà a Bruxelles. I partecipanti potranno ottenere informazioni sulle posizioni professionali ecocompatibili già avviate e sull’attuale mancanza di personale qualificato, che dovrebbe essere colmata con il procedere della transizione verde.

Partner sociali quali i sindacati sono fondamentali per coinvolgere i lavoratori nella transizione verso l'ecosostenibilità. Durante la Settimana verde, una coalizione di partner sociali ha rilasciato un comunicato congiunto in cui si evidenzia come il passaggio a un’economia circolare e a prassi e processi più efficienti sul piano delle risorse, richieda una forza lavoro in possesso di abilità, conoscenze e competenze specifiche.

Con eventi che si svolgono in tutta Europa, la Settimana verde UE ha l’obiettivo di sottolineare come la transizione verde a un’economia circolare possa tradursi in un guadagno in termini di occupazione netta. Presto sarà possibile scorgere nuove opportunità in settori quali energia rinnovabile, riciclo e gestione dei rifiuti, agricoltura biologica, trasporto sostenibile, nel settore idrico e in quello marittimo. Tuttavia, è necessario affrontare la carenza di competenze e di lavoratori qualificati, in particolare nelle piccole e medie imprese. È indispensabile adeguare i piani di formazione e migliorare la capacità di prevedere le competenze necessarie per il futuro.

La Settimana verde 2017 dell’Unione europea dimostra inoltre che gli aiuti comunitari e le politiche europee, inclusi gli obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica e di aumento del riciclo, possono aprire la strada alla sostenibilità. I progetti per la conservazione della natura finanziati dall’UE, ad esempio, hanno contribuito alla formazione professionale di migliaia di lavoratori, promuovendo l’occupazione locale in aree rurali e svantaggiate.

Al contempo, l’ecolabel europeo, di cui si festeggiano oggi i 25 anni con un evento speciale della Settimana verde, si è rivelato uno strumento di marketing eccellente, utile per favorire lo sviluppo delle aziende ecologiche. Oggi, circa 2 000 aziende sono autorizzate a esporre il marchio di qualità ecologica dell'UE per circa 40 000 prodotti, spaziando dai detergenti alle strutture ricettive. L’ecolabel premia idee e prodotti innovativi sostenibili, con basse emissioni di carbonio, con percentuale di riciclo superiore e appartenenti in modo integrante all’economia circolare.

La Settimana verde 2017 UE si svolgerà dal 29 maggio al 2 giugno. Per saperne di più, leggi il programma degli eventi in Europa.

IKEA

SUEZ Environment

QualiBuild

UE Settimana Verde 2017

Fonte: https://www.eurobserv-er.org/16th-annual-overview-barometer
Fonte: http://ec.europa.eu/environment/efe/themes/economics-strategy-and-information/green-jobs-success-story-europe_it
Fonte: https://www.eurobserv-er.org/16th-annual-overview-barometer
Fonti: Commissione europea 2016, Facts and figures on organic agriculture in the European Union: https://ec.europa.eu/agriculture/organic/sites/orgfarming/files/docs/pages/014_en.pdf. <br/>Commissione europea 2017, elaborazione dei dati Eurostat da parte della DG ENV.<br/>IFOAM/FIBL The World of Organic Agriculture. Statistics and Emerging Trends 2017: https://shop.fibl.org/chen/mwdownloads/download/link/id/785/

Contattaci

Iris Petsa

Responsabile stampa per l’Ambiente, gli affari marittimi e la pesca

Commissione europea